skip to Main Content
Via Santa Maria, 108 20093 Cologno M.se 8.00 - 13.00 14.00 - 17.00

Risultati di prove comparative tra detergenti commerciali ed auto prodotti:

• Nuovo Dyna-Purge A –

  • Detergente per spurgo ibrido
  • Detergente ad azione meccanica
  • Detergente ad azione chimica
  • Polipropilene

Prova comparativa con Dyna-Purge® A

Riassunto

Penn State Erie, The Behrend College, of Erie, PA ha condotto un esaustivo studio indipendente nel mese di Marzo 2016, al Burke Center – School of Engineering. Lo studio è stato commissionato da Dyna-Purge® divisione della Shuman Plastics, Inc. per confrontare i detergenti per lo spurgo maggiormente utilizzati ed altre resine utilizzate per spurgare polipropilene.

Lo studio indipendente è stato supervisionato da Jonathan Meckley, responsabile della programmazione, Professore Associato, Ingegnere in Tecnologie della Plastica. Tutte le prove sono state condotte su una pressa per stampaggio ad iniezione da 170 ton Cincinnati Milacron dotata di stampo a due cavità con iniezione diretta ad otturazione. Le parti stampate erano dei gusci per telefono cellulare in polipropilene.

Tipi di detergente per lo spurgo commerciali utilizzati

Nuovo Dyna-Purge® A: Il primo detergente ibrido, che combina i benefici della pulizia con azione meccanica e chimica. Questa nuova tecnologia è l’ideale per l’eliminazione di residui di colore ed altre tipologie di contaminazione, spesso riscontrate durante lo spurgo di polipropilene da vite e cilindro di plastificazione o da teste e trafile. Meccanico Abrasivo: Una resina poliolefinica con carica minerale. Il composto agisce meccanicamente veicolato dalla resina poliolefinica e la carica minerale abrade le superfici da pulire del cilindro e della vite, durante il passaggio. Note: i detergenti abrasivi non dovrebbero essere utilizzati in presenza di canali caldi e l’utilizzo frequente potrebbe causare una rapida usura. Chimico: Detergente composto da resina poliolefinica con additivo chimico attivo , comprendente sali inorganici e acidi organici. Gli ingredienti chimici agiscono distruggendo i polimeri della resina residente. E’ comunque necessario alterare dei parametri quale la temperatura e, in alcuni casi è necessaria una fase di macerazione. Resina: Polipropilene naturale utilizzata come materiale di spurgo. Dal momento che le resine da stock non sono formulate per la pulizia delle macchine, risultano sempre inefficaci quando vengono utilizzate per lo spurgo. Resina di processo: Polipropilene (PP) – nero e naturale; Temperatura di processo: 204°C.

Protocollo della prova

  1. Pulizia della tramoggia
  2. Introduzione di 150 g di PP nero, svuotamento della vite
  3. Pulizia della tramoggia
  4. Introduzione di 600 g di detergente (2 volte la capacità del cilindro)
  5. Con la vite in posizione avanzata, spurgo continuo fino al raggiungimento di circa 100 g di materiale estruso; piazzare il materiale fuoriuscito in acqua fredda a solidificare
  6. Pulizia della tramoggia
  7. Introduzione di 200 g di PP naturale
  8. Con la vite in posizione avanzata, spurgo continuo fino ad eliminare i residui di detergente; piazzare il materiale fuoriuscito in acqua fredda a solidificare.

Criteri di valutazione

Allo scopo di controllare le variabili e validare i risultati, ciascuno dei prodotti detergenti e delle resine utilizzate, ha seguito il medesimo protocollo. Fino al completamento di ogni prova, gli ispettori hanno esaminato i materiali estrusi ed il PP estruso dopo il detergente, assegnando una valutazione “Successo” o “Insuccesso” basata sulla presenza di contaminanti e dei gradi di trasparenza visuale.

 

Back To Top